Risk Assessment ed aggiornamento dei Modelli Organizzativi

Con l’emanazione del Decreto Legislativo 7 luglio 2011, n°121 è stato ancora una volta aggiornato il D.Lgs. 231/2001, estendendo alle Aziende la responsabilità amministrativa anche per i reati ambientali. Tale intervento, integra e “completa”, il precedente intervento dell’agosto del 2007 (Legge 123) quando l’omicidio colposo e le lesioni colpose (gravi o gravissime), commesse in violazione delle norme in materia di sicurezza sul lavoro, sono entrate nel sistema di responsabilità degli enti. Si tratta infatti di tematiche, che pur facendo riferimento a due quadri normativi diversi e distinti, vengono tradizionalmente gestite all’interno delle aziende dalla medesima funzione (HSE).

L'integrazione del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo D.lgs 231/2001 ai reati in materia di sicurezza sul lavoro ed ambientali è un’attività che richiede competenza e professionalità in tutte le fasi anche alla luce dell’analisi dell’integrazione tra standard internazionali e modelli organizzativi.

Il nostro supporto professionale consiste nell’assistenza professionale in materia di adeguamento al D. Lgs. 231/2001, con specifico riferimento alla realizzazione del Risk assessment e dell’aggiornamento del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo: da un’attenta analisi dei rischi a cui la maggior parte delle aziende (soprattutto di quelle industriali, ma non solo) sono esposte rispetto alle molte attività connesse alla gestione ordinaria, provvediamo all’aggiornamento ed all’estensione del Modello, includendo nuovi protocolli per il controllo delle attività a rischio di reato ambientale e in materia di sicurezza sul lavoro ed individuando misure volte a prevenire l’accadimento di episodi che possono comportare una responsabilità amministrativa, con gravi impatti sul business e sulla reputazione aziendale. 


Se vuoi saperne di più clicca qui